Gli effetti dell'acqua in piscina

Per molti le ferie giungono al termine, ma c'è ancora chi può concedersi qualche giornata di vacanza all'insegna del relax, magari a bordo piscina. Gli amanti dell'acqua e degli sport in piscina come il nuoto, l'acqua gym, devono però fare i conti non solo con la disidratazione dovuta ai raggi solari, ma anche al fattore cloro.

Secondo gli studi portati avanti dal Laboratorio di ricerca Chanel, il C.E.R.I.E.S. , dopo un bagno di soli 60 minuti, anche la pelle più normale si disidrata fortemente. In maggior misura, una pelle già fragile, secca o disidratata.

Ecco perchè è importante l'applicazione quotidiana di prodotti idratanti per chi frequenta assiduamente le piscine.

Ma vediamo nel dettaglio lo studio portato avanti dai ricercatori Chanel: la maggior parte delle acque in piscina è trattata con derivati del cloro, per renderle asettiche. Ecco perchè molte persone, dopo il bagno lamentano sensazioni di irritazione, secchezza, stiramenti cutanei.

Lo studio di biometrologia a vasto raggio è stato effettuato su un campione di donne con età compresa tra i 30 e i 45 anni, con una pelle normale, che non avessero fatto uso, nel giorno di monitoraggio nè seguenti o precedenti di creme idratanti. Dopo un'immersione di un'ora in acqua clorata la pelle, dopo un risciacquo con acqua dolce, è stata sottoposta a tutti i test.

I test

I risultati ottenuti hanno permesso di valutare per la prima volta l'impatto dell'acqua clorata sulla qualità della pelle.

Un'ora e mezza dopo il bagno, tutti i paramentri si sono modificati. Sull'insieme delle zone esaminate si è costatato:

  • una diminuzione significativa dell'idratazione di superficie
  • un abbassamento significativo della percentuale di sebo superficiale
  • un aumento del valore del pH di un'unità, da 6,2 a 6,5 in funzione delle zone, che traduce un'alcalinizzazione della pelle,
  • una disidratazione intensa del 

          22% sul decolletè

          21% guance

          19% braccia

          17% gambe

Inoltre una rarefazine del sebo del:

         79% sul decolletè

         37% sulla fronte

Conclusioni:


Dati alla mano, una frequentazione regolare della piscina lascia presagire effetti di fisiologia cutanea molto invasivi, salvo l'utilizzo di creme altamente idratanti sia sul viso che sul corpo, durante tutto l'anno.

Ali di Bellezza vi aspetta per una consulenza gratuita e per la scelta della crema più adatta al vostro tipo di pelle.